Leggo una notizia (MARCHETTA) su Internet mobile, i dati Agcom, velocit? "yo-yo", ma la media ? buona. Roma ? lenta - Repubblica.it
Pare che, perche siamo in ITAGLIA, l'Agcom (che dovrebbe garantire "cosa e chi è tutto scoprirlo") abbia sfornato un test delle velocita MOBILE nelle 20 città italiane.........

Premessa:
Hanno marchiato il PDF con il logo MISURA INTERNET http://www.agcom.it/Default.aspx?mes...nt&DocID=11953 adesso vorrei capire un paio di cose.
Il progetto MISURA INTERNET era nato per le ADSL, e serviva a dimostrare (certificandole) le linee degli italiani che andavano da schifo, cosichè l'utente poteva chiedere ad Agcom d'intervenire sul provider, questa misurazione avveniva installando un SOFTWARE nel proprio PC che effettuava vari test di connessione e rilasciava agli utenti un test CERTIFICATO.
Quindi era l'utente che forniva il MEZZO e i DATI.........ma col MOBILE come hanno fatto a DICHIARARE quelle velocità?
Forse e dico FORSE quei dati sono stati passati dagli stessi provider (loro li chiamano Pixel per delimitare un'0area geografica di 2 Km quadrati) che vendono connessioni a 42 Mega, sapendo bene che NESSUNO potrà MAI raggiugerle all'Agcom?
Nella MARCHETTA è scritto che la migliore copertura è di Vodafone (non faccio fatica a crederci) forse perche ogni MB scaricato è PAGATO A PREZZO D'ORO?

Siamo alle SOLITE.......ma non si parlava di FIBRA? Di WIMAX?
Telecom non doveva cedere la rete?
Ma di cosa parlano?
Oggi la STAMPA impone di pensare che una tavoletta possa sostituire un notebook.........ci avete già provato coi NETBOOK e non ci siete riusciti.......quando scrivete certe "..........." ricordatevi dove VIVETE e di quale paese descrivete le condizioni.........

Non discuto internet Mobile, ma non si può pensare di sostituire l'ADSL con un mobile.......lo smartphone può andare bene per un Tweet, la posta, qualche commento su FB una notizia Ansa, ma sfido chiunque a leggersi un giornale su uno schermo a 5 Pollici........Non fatevi infinocchiare da CHI dall'alto dei dati (veri????) dichiara che non stiamo MALE......o chi per vendere il proprio giornaletto fa queste MARCHETTE per poi ricevere pagine di PUBBLICITA'..........

Piccola premessa prima di raccontarVi la SAGA (non ancora coclusa ad oggi) che sto vivendo con lo store online di Mediaworld.
Da anni acquisto online, ho iniziato su Ebay, passando per altri siti minori, poi con l'ingresso di Amazon ho intensificato gli acquisti, dato che con Amazon ho trovato ALTISSIMI livelli di professionalità e con molti venditori di Ebay (selezionati ovviamente) la stessa cosa.
Mi sono dato sempre una regola fondamentale per chi come me vuole risparmiare ma essere certo di non essere TRUFFATO, ovvero pagare SOLO ED ESCLUSIVAMENTE con PAYPAL. Fine premessa!!!

M'incontro con degli amici a cena per discutere dell'imminente matrimonio di un amico comune, a fine cena decidiamo di regalargli uno Smart Tv Samsung modello UE46ES8000, faccio una ricerca in rete.......Amazon, Ebay,altri ma i prezzi sono uguali a quelli di un qualunque negozio, ovvero 1699.00 Euro. Un amico mi segnala il sito Mediaworld Online, lo visito e vedo che lo stesso modello viene venduto a 1299.00 Euro.
Perfetto, chiamo i miei amici, gli dò la buona notizia e parto con l'acquisto, pochi step poi pago con Paypal, tutto concluso in pochi click, siamo a giorno 03.04.2013.

Acquistando da un marchio come Mediaworld mi sentivo abbastanza sereno (povero illuso) e quindi ho aspettato che mi arrivassero info/mail da parte di mediaworld......ed arrivano il giorno dopo quando scopro che la consegna è stata affidata ad una società a me SCONOSCIUTA, CEVA LOGISTICS.





Speravo che la consrgna avvenisse con Bartolini (che reputo uno dei migliori corrieri in italia insieme ad UPS) ma ero abbastanza tranquillo visto che comunque mediaworld non poteva scegliere un corriere pessimo per consegne cosi delicate (altra illusione).
Guardando la tempistica di consegna pubblicata sul sito mediaworld è scritto che il corriere DEVE contattare il cliente ENTRO 96 ore lavorative per concordare l'orario di consegna del prodotto.


Quindi calcolando da giorno 04.04.2013 (giorno d'affidamento del pacco al corriere) le 96h, avrei dovuto ricevere il tutto tra Martedi/Mercoledi 09 o 10 Aprile 2013.....altra illusione, questo perche leggendo il tracking del pacco Ceva Logistics ha preso il pacco giorno 04/04/2013, gli ha fatto fare una dormitina sino a giorno 08.04.2013, giorno in cui APPARENTEMENTE il pacco è partito.


Inizio a preccuparmi.....e mando una mail a mediaworld chiedendo lumi in merito, mi rispondono il giorno dopo che DEVO ASPETTARE.........li chiamo il giorno seguente ed inizio ad incaXXarmi come una bestia, mi tranquillizzano che avrei ricevuto nei tempi previsti il pacco, non contento chiamo il corriere Ceva (i 2 numeri telefonici riportati sul sito mediaworld 1 è disattivato e l'altro apparentemente funzionante a singhiozzo) e mi viene detto che avrei avuto il pacco ENTRO VENERDI 12.04.2013. Sapere come calcolano le ORE LAVORATIVE in mediaworld resta un mistero........
Venerdi aspetto sino alle 12 poi inizia a montare la rabbia, inizio a chiamare Ceva ed il secondo numero telefonico dopo 3 squilli chiude in automatico la chiamata, chiamo il numero verde mediaworld e spiego che SABATO ho un matrimonio ed il regalo non c'è ancora.........la risposta? Ve la lascio immaginare.........
Ovviamente la figura di M E R D A sia con gli sposi che con gli amici che hanno partecipato al regalo è a livelli che vi lascio immaginare.......e pensare che hanno un canale per la lista nozze questi di Mediaworld....state alla larga ovviamente se non volete rovinarVi la festa.

Sabato 13.04.2013 tornato a casa dopo il matrimonio, apro immediamente una contestazione tramite PAYPAL per oggetto pagato e non ricevuto, oggi 15.04.2013 mediaworld tramite paypal mi fà sapere che la contestazione è al vaglio del settore competente (Mediaworld non risponde a domande dei clienti gli operatori fanno un copia/incolla di frasi standard come se fosse un pc che risponde, probabilmente perche non sanno cosa rispondere......o lo sanno e preferiscono far finta di nulla).
Ma la ciliegina sulla torta l'ho avuta poche ore fà guardando il tracking del pacco......



Peccato che la mia residenza non sia ne a Catania e ne in Sicilia.........ma in altra regione.

Ho altro da pubblicare.......e molto piu gustuoso.......ma voglio che la SAGA termini per poi pubblicare TUTTO cio che ho salvato.......
Comuque a prescindere NON ACQUISTATE DA MEDIAWORLD.......

PS
Preciso che MAI mediaworld mi ha contattato per darmi spiegazioni....sono stato sempre io a chiamare e mandare mail.....e le telefonate le ho registrate......e le metterò online ovviamente!!!!

Bonsoir,
Ari-eccoci alle prese con le impestazioni del mio pc.
Allora questa volta forse sono alle prese con il virus causato da java. Letta la notizia (ad averlo saputo un mese prima :twisted:) ho proceduto alla disinstallazione stato disinstallato, anche se ho appena letto che la procedura raccomandata sarebbe disabilitare il plugin.
A questo punto ho lanciato la live di Kaspersky modalità text; ora siccome era la prima volta che mi accingevo a farla, alla fine della scansione non ho capito se vi fosse qualcosa o meno...:oops::mrgreen: Però leggendo la vostra guida sono risalita alla cartella creata in C:/ . Ora vorrei sapere che file in particolare devo vedere ed allegare per capire se vi sia o meno qualcosa di nocivo!
Thanks! :mrgreen:

fb.png


Facebook, dopo i vistosi cali azionari degli ultimi mesi, ha deciso una svolta che farà molto rumore nell'ambito della telefonia.
Ovvero gli utenti registrati al Social Network potranno telefonare GRATUITAMENTE ad altri utenti registrati a Facebook. La notizia è una bomba, ma non a ciel sereno, visto che da qualche anno Facebook sta testando cellulari improntati proprio allo scopo, ultimamente però, vuoi i cali azionari, vuoi l'accordo che Google ha fatto con l'antitrust americana (valido in tutto il mondo) sulle tecnologie acquisite dall'acquisto di Motorola per la modica cifra di 15 miliardi di dollari, vuoi anche il fatto che c'è sempre piu voglia di Social, Facebook ha deciso di avvicinarsi in maniera corposa a questo business core.
Alcuni test, positivi, sono gia operativi in Canada ed a breve usciranno delle APP per Android e IOS (facebook messanger) che permetteranno di inviare messaggi vocali di 1 minuto, ma è solo l'inizio, piu avanti di certo avremo delle sorprese, con le solite polemiche e cause per i brevetti, ma la strada pare tracciata, anche perche Google, con il suo sistema operativo Android sta veramente facendo terra bruciata, ed ha la forza per continuare anche migliorando il servizio ai propri utenti.

Facebook ha un'arma in più che Google non ha, ovvero una rete sociale, Google+ ha molti utenti ma non è paragonabile a Facebook, e su questa rete sociale Facebook può indirizzare al meglio, seguendo UMORI,ABITUDINI,HOBBY, e quant'altro la pubblicità, ed è qui che i soldi pioveranno.

Il sistema è VOIP ovviamente, ma non si conoscono i dettagli, chissà cosa penseranno le TELCO (telecom-Vodafone) visto che un servizio del genere potrebbe nel breve periodo metterli davvero spalle al muro.
Vedremo uno scontro tra titani oppure la solita ciccia di accordi tra multinazionali??
Immagini allegate

http://www.agi.it/in-primo-piano/not…ciano_pontifex

La notizia ormai è di pubblico dominio, dal 12/12/12 sarà attivo.
Vorrei fare alcune considerazioni, su tutte una: ma veramente è stato considerato opportuno fare un account su twitter????
Vale la pena esporsi così ad ogni genere di insulto?
Cosa si pensa di poter ottenere? un numero maggiore di adepti?

Me ne vengono in mente anche altre ma per ora soprassiedo e aspetto i vostri commenti.

Uno strumento che pochi conoscono, e che spesso SERVE al cliente del Provider per metterlo spalle al muro……penserete: Sai cosa se ne frega il provider…..SBAGLIATO, questo perche il RECLAMO và inoltrato all’Agcom, ed i provider ci pensano 10 volte prima di dare le classiche risposte ai provider.
Il sistema è abbastanza semplice, s’installa un software nel pc e si naviga come se non esistesse…….alla fine della Sua analisi vi restituisce il Vostro certificato della ADSL
il tutto lo trovate scritto qui https://www.misurainternet.it/
un video esplicativo vi fà capire la semplicità della cosa

Sergio Del Grosso, dirigente Ufficio Qualità, Servizio Universale e rapporti con le associazioni dell’Agcom dice:

Quote:

Ove il cliente non riscontri il ripristino dei livelli di qualità del servizio entro trenta giorni dalla presentazione del reclamo, l’utente ha facoltà di recedere senza penali dal contratto per la parte relativa al servizio di accesso a internet da postazione fissa, con un preavviso di un mese, mediante comunicazione inviata all’operatore con lettera raccomandata o messaggio di posta elettronica certificata”. La notizia di questo nuovo servizio è stata accolta positivamente dai principali operatori italiani che, anzi, hanno partecipato attivamente allo sviluppo del programma di misurazione: “La gestione delle rispettive infrastrutture varia da operatore a operatore, come la relativa qualità del servizio fornito- continua il dottor Del Grosso -, ma nessuno degli operatori avrebbe avuto un positivo ritorno di immagine se si fosse sottratto alla realizzazione di un progetto come quello dell’Autorità che, best practice in Europa, mette in condizione l’utente di verificare in maniera trasparente la qualità del servizio sottoscritto”.


Se ne parla anche qui

Per chi non conosce di cosa sto parlando,

Quote:

L’emendamento, presentato dal senatore del Pdl Giacomo Caliendo (ex sottosegretario alla Giustizia) nel quadro della legge sulla responsabilità civile dei magistrati, porta il nome della conduttrice di Report perché, come spiegano il direttore e il portavoce di Articolo 21 Stefano Corradino e Giuseppe Giulietti “se dovesse passare renderebbe ‘nulle’ tutte le clausole contrattuali che prevedono che l’editore tuteli il giornalista accollandosi le conseguenze economiche delle sanzioni in seguito al lavoro giornalistico”


puo cliccare questo link e farsi una idea…… http://www.ilfattoquotidiano.it/2012…giorno/388498/

PcTrio da SEMPRE ha preso le distanze da POLITICA ed affini, per una scelta VOLUTA dai Fondatori, e che continuerà a percorrere, ma qui parliamo di LIBERTA’ di Stampa, ed oggi in italia trovare Giornalisti (degni) è parecchio difficile……quindi riteniamo di portare a conoscenza degli utenti una petizione online partita dal sito Articolo21

In meno di 24 ore hanno raccolto piu di 5000 firme, poi il http://www.ilfattoquotidiano.it ha ripreso la notizia ed ha fatto COLLASSARE il sito di ARTICOLO21, perche il Server che lo ospita non è pensato per un traffico del genere.
Adesso oltre al problema di traffico&server sono sotto attacco informatico, PERCHE CI PIACEREBBE SAPERLO…….

Quote:

Articolo21
Giornale on-line per la libertà di informazione

AVVISO AI LETTORI

Il sito internet di Articolo21 è fuori servizio per un duplice problema: tecnico e "vandalico". Abbiamo promosso un appello contro l’emendamento di un senatore del Pdl ribattezzato "Ammazza Gabanelli" e che rischierebbe di colpire chiunque tenti di fare davvero il mestiere del cronista e di stroncare il giornalismo d’inchiesta azzerando addirittura i free lance, colpendo non solo nomi famosi ma anche chi indaga contro criminalità e corruzione”.

Un appello che è piaciuto a tanti e che in meno di 48 ore ha superato le 10mila firme anche grazie all’importante sostegno di giornali on line (tra i quali "il Fatto Quotidiano"), blog e social network. Un appello che a qualcuno però non deve essere piaciuto visto che, secondo i nostri tecnici, il sito ha subìto in queste ore numerosi attacchi hacker.

Speriamo di risolvere il problema nelle prossime ore. I nostri tecnici (che lavorano gratuitamente per il sito perché ne condividono lo spirito e le battaglie) si stanno facendo in quattro per riportare il sito on line. Ma abbiamo scarse risorse (e nessun finanziamento né pubblico né privato) e al momento non ci possiamo permettere infrastrutture tecnologiche più avanzate e sicure.

Anche per questo vi chiediamo un piccolo sforzo economico per consentirci di essere sempre liberi, senza padrini nè padroni e in grado di difenderci dagli assalti esterni. Questo il link per l’eventuale sostegno:

Grazie a tutti!
Stefano Corradino
(direttore Articolo21)

Per informazioni è possibile scrivere a: redazione@articolo21.info
Articolo 21 Giornale online per la libertà di informazione


PcTrio ha deciso di sostenere l’iniziativa di Articolo21 ed invita gli utenti a firmare la petizione, appena risolveranno il problema che hanno, e se possibile fare una donazione…. il pulsante PAYPAL c’è, anche poco è sempre meglio di nulla.

Qui la spiegazione del problema nell’articolo del Direttore di Articolo21.org

Giù le mani dalla Gabanelli: la rete collassa per la libert? – Stefano Corradino – Il Fatto Quotidiano

Siamo al SICURO???
Diciamo di NO…..ma lo sapevamo gia prima……
E di oggi la notizia che il Gruppo di Harckers Anonymous ha rubato 12 milioni di dati da un portatile di un agente ( Christopher K. Stangl, del Cyber Action Team ) sfruttando una falla nel sistema Java del Pc dell’agente ( in realtà il furto è avvenuto a Marzo 2012 ma la notizia è uscita oggi ).
La cosa impressionante non è il furto in se per se…….ma il motivo per il quale vi fosse nel Pc un database cosi ampio e cosi dettagliato di cliente Apple (Iphone Ipad)…….i server a cosa servono se gli agenti devono salvare i DB suoi pc?

PS
Teniamo a precisare che Apple in questo caso NON c’entra nulla in quanto i dati sensibili rubati erano nelle mani dell’FBI ( che forse dovrebbe DIRE perche……se spiava 12 milioni di utenti ci sarà pure uno straccio di mandato di un giudice o no?? ).

La notizia è una BOMBA

Il cyber 007 Rapetto via da Gdf lascia dopo rimozione da incarico – Repubblica.it

Uno degli esperti su crimini informatici piu apprezzati in EUROPA che viene rimosso dal Suo incarico, per mandarlo a frequentare un Corso nella scuola dove lui stesso da 10 anni insegna…….
Altro che CAMBIAMENTO-MERITOCRAZIA-MONTI-NAPOLITANO……l’italia MERITA lo sfascio che c’è………
Il tutto DOPO che il Colonello ha fatto prendere una multa di 2.5 MILIARDI di EURO ai Monopoli di Stato ed alle società di Slot Machine (MAFIA) su mandato (PENSATE UN PO’) della CORTE DEI CONTI……

Quote:

Umberto Rapetto – EUCIP Security Adviser

Nato ad Acqui Terme nel 1959, è laureato in Giurisprudenza, in Scienze Internazionali e Diplomatiche e in Scienze della sicurezza economico-finanziaria. Dopo aver seguito vari corsi post-universitari e di formazione manageriale in Italia e all’estero si è specializzazione in informatica e scienza dell’organizzazione.
Attualmente è colonnello della Guardia di Finanza, Comandante del GAT Nucleo Speciale Frodi Telematiche, ruolo che occupa fin dalla istituzione del Nucleo nel 2004. Nel 2005 è stato nominato Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Inoltre è uno dei quattro “esperti” nominati con DPCM 14 dicembre 2006 nel Comitato per la tutela della proprietà intellettuale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Nella sua carriera ha svolto diversi compiti di responsabilità nell’ambito della Guardia di Finanza. Ha anche diretto l’area “network & computer security” all’Autorità per l’Informatica nella P.A. ed è stato successivamente comandante del GAT Gruppo Anticrimine Tecnologico, il reparto (di cui è stato inventore e promotore) resosi protagonista fra l’altro di una celebre indagine in materia di criminalità informatica che ha portato alla cattura e alla condanna dei sei hacker che hanno attaccato in Italia il Senato della Repubblica, il Ministero della Difesa – Aeronautica e quello della Sanità, e all’estero il Pentagono, la NASA e numerosi siti di governi stranieri.
Ha pubblicato oltre 50 libri presso prestigiose case editrici. Ha svolto consulenze per Procure Distrettuali, Commissioni parlamentari, Ministeri, Autorità ed Enti
Svolge anche attività di giornalismo, collaborando assiduamente con importanti quotidiani e settimanali e di docenza universitaria. In tale veste ha tenuto corsi in numerosi atenei italiani e scuole superiori.

La certificazione EUCIP Champion è stata conferita in relazione agli studi approfonditi condotti nel campo della sicurezza informatica e alla loro specifica applicazione alla guida dei reparti anticrimine in materia informatica che sono stati affidati alla sua responsabilità.